Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



Politica

Rim-Pasto, torna l'appetito

Mazzocca si è abituato all'ambiente e non lascia. La Sclocco perde il lavoro ma non il posto. Paolucci si salva per un Pil. Siamo ancora in alto mare, con tante . . . ombrine.

martedì 15 settembre 2015 11:30

L'ANGOLO DELL'IRONIA.

Mazzocca ha perso la delega ("e il modo ancor m'offende") quando ormai si era assai abituato all'Ambiente, mentre la Sclocco, a sua volta, ha perso il Lavoro ma non il posto. La Giunta regionale, in sospeso per mesi, rischiava di cadere ("cadde come corpo morto cade") e farsi male, soprattutto nel suo assessore di maggior peso, Donato, l'unico che, muovendosi, avrebbe potuto spostare gli equilibri; invece, restando in giunta, ha fatto da giusto contrappeso.

Paolucci, esperto di Bilancio, per un Pil ha salvato il posto. Al nuovo assessore, Gerosolimo, che ha spaccato la giunta, è stata affidata anche la Coesione territoriale.

Le 5 stelle, che non stanno a guardare, costellano di critiche il cammino Governatore mentre dall'opposizione arrivano tanti, troppi, Sospiri. Intanto Sel punta i piedi (no a farsi fare le scarpe), ragione per cui si è ancora in alto mare (e con tante Ombrine) anche per il delfino D'Alessandro, un pesce fuor d'acqua (anzi di Giunta). Senza contare che, dopo tanti scogli, restano da superare ancora dei Monticelli ("colui che perde si riman dolente. . .").



Insomma, a dirla tutta, la quadra non quadra nonostante si faccia quadrato. Dopo il rim-pasto è tornato l'appetito e si torna a mangiare, rilanciando anche l'Occupazione (delle poltrone). Ora finalmente l'Abruzzo si rialza (sempre dalle poltrone). Requiescat, povero figlio. (a.s.)

Torna alla Home