Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



Politica

Andrea Gerosolimo, l'uomo emergente delle zone interne

Aree interne e lavoro, le priorità del nuovo assessore regionale. «Mi considero marsicano d'adozione». Il Punto Nascita di Sulmona: «Spero non chiuda» a fine ottobre.

Desk 2
martedì 15 settembre 2015 14:46

di Roberta Galeotti

Il nuovo assessore regionale di Abruzzo Civico, Andrea Gerosolimo, è la vera figura emergente delle zone interne negli equilibri geo politici regionali.

«Non sarò schiacciato - spiega l'assessore al Capoluogo - in questa nuova veste di governo, mi conosco e so che se il presidente riconoscerà le mie caratteristiche non avremo problemi a lavorare insieme».

«Le mie priorità sono le aree interne e il lavoro», aggiunge. Il primo nodo da sciogliere per il nuovo assessore sarà la chiusura del punto nascita di Sulmona, la sua città, prevista dal calendario delle riforme regionali per fine ottobre, «Spero di no». ha detto Gerosolimo lapidario.

Abruzzo Civico è il riferimento di tre consiglieri nell'assise comunale di Avezzano ed è schierato all'opposizione a Sulmona.

«Sulmona ha problemi diversi e il sindaco potrebbe fare molto di più!», ha sentenziato.

«Il Progetto Marsica (un ambizioso progetto presentato al Presidente D'Alfonso per il rilancio e lo sviluppo della Marsica, ndr) è una risorsa straordinaria. Mi considero marsicano d'azione. Il 30% del Pil dell'agricoltura abruzzese è prodotto nel Fucino e la produzione va incentivata con interventi su rete e strutture».



Il Comune di Avezzano, dove Abruzzo Civico esprime 3 consiglieri, «è amministrato bene - ha concluso Gerosolimo - da un sindaco che stimo e che è stato mio dirigente in provincia, quando ho svolto il ruolo di amministratore. Ha qualità straordinarie, doti professionali e umane che il centro sinistra dovrebbe sfruttare di più».

Torna alla Home