Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



Politica

Ombrina Mare e altre storie: il M5S cala le carte

Depositata dal M5S proposta di legge, di iniziativa regionale, per l'abrogazione dell'articolo 35 del Decreto Sviluppo. Questo consente installazione di insediamenti petroliferi.

Desk 2
mercoledì 16 settembre 2015 10:32

Il Gruppo del M5S ha depositato ieri mattina all'Emiciclo una proposta di legge alle Camere, di iniziativa regionale, per l'abrogazione dell'articolo 35 del Decreto Sviluppo del 2012, quello che oggi consente l'installazione degli insediamenti petroliferi al largo delle coste abruzzesi, come Ombrina Mare.

Contestualmente è stata depositata una risoluzione urgente che impegna la Giunta a presentare tempestivamente ricorso al Tar Lazio contro il decreto di compatibilità ambientale n.172 del 7 agosto scorso, che di fatto rappresenta il superamento di uno degli ultimi ostacoli all'iniziativa della Rockhopper.



«Il M5S si batte contro la petrolizzazione con i fatti e non a parole - spiega Sara Marcozzi - all'interno del documento sono indicati anche 5 diversi motivi sui quali fondare il ricorso al tribunale amministrativo. Queste iniziative seguono gli atti politici del M5S già presentati e approvati nell'ultimo anno dal Consiglio, che hanno dato impulso anche al ricorso alla Corte Costituzionale contro il Decreto 'Sblocca Italia'. A questo punto ci aspettiamo l'appoggio di tutti i Consiglieri regionali e di tutti i Parlamentari abruzzesi di ogni schieramento».

Torna alla Home