Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



L'Aquila

L'Aquila e il Mammuthus, cronaca di una rinascita

Apertura straordinaria del Bastione Est del Forte Spagnolo per permettere al pubblico di ammirare uno dei reperti più importanti del patrimonio culturale italiano.

IlCapoluogo.it
venerdì 18 settembre 2015 12:06

Dopo più di un anno di lavoro lo scheletro del Mammuthus Meridionalis di Madonna della Strada è completamente restaurato. Il 19 e il 20 settembre, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, l'apertura straordinaria del Bastione Est del Forte Spagnolo, dalle 9 alle 18, permetterà al pubblico di ammirare uno dei reperti più importanti del patrimonio culturale italiano.

«Abbiamo raggiunto il massimo grazie a una sinergia di competenze. L'effetto che darà la visione dell'esemplare è impressionante», afferma Maria Adelaide Rossi della Soprintendenza Archeologica D'Abruzzo.

Il restauro è stato possibile grazie alla generosa iniziativa di solidarietà dei finanzieri di tutta Italia, che hanno devoluto una giornata del loro lavoro per lasciare un segno concreto nella ricostruzione e nel restauro del patrimonio culturale della città.

Il progetto promosso dalla Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici dell'Abruzzo comprende, oltre al restauro, anche il nuovo allestimento del bastione est del Forte Spagnolo, dove è conservato e esposto il Mammuthus. Per 18 mesi la sala si è trasformata in un laboratorio di restauro.



IL RESTAURO: L'operazione è stata preceduta da indagini diagnostiche per verificare lo stato di conservazione del reperto. L'attuale restauro, a distanza di circa 23 anni dall'ultimo, è il terzo intervento conservativo del reperto.

Lo scheletro presentava porzioni di tessuto osseo degradate e molte lesioni dovute anche all'effetto del terremoto. (Red)





Torna alla Home