Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



Marsica

Buoni pasto scolastici, a Celano basta un click

Il Comune di Celano ha adottato un sistema informatizzato di gestione del servizio mensa in sostituzione dell'acquisto e utilizzo dei buoni pasto cartacei. L'Aquila acciufferà l'idea?

IlCapoluogo.it
domenica 20 settembre 2015 09:58

Al fine di «migliorare, ampliare e facilitare il sistema di pagamento dei pasti da parte delle famiglie», il Comune di Celano ha adottato un nuovo sistema informatizzato di gestione del servizio mensa scolastica, in sostituzione dell'acquisto e utilizzo dei buoni pasto cartacei. A partire da quest'anno, infatti, entrano in vigore le nuove modalità di utilizzo del servizio mensa scolastica e di pagamento delle quote.

Lo scenario si prospetta, dunque, ben diverso rispetto a quello che si è visto a L'Aquila nei giorni scorsi, con file interminabili presso gli uffici comunali.

L'innovazione, «concepita e studiata per rispondere in modo più diretto e immediato alle necessità delle famiglie», è stata illustrata in due distinte riunioni. Nella prima sono state informate tutte le istituzioni scolastiche. La seconda - alla quale hanno partecipato Eliana Morgante, assessore Istruzione e cultura; Maria Antonietta Zaurrini, consigliere delegata Politiche sociali; Cinzia Contestabile, consigliere delegato Bilancio e tributi e Loredana Piperni, ufficio servizi sociali - si è svolta nella sala consiliare del Municipio di Celano, riempita, in ogni ordine di posti, dai genitori, che hanno seguito con particolare attenzione e interesse l'illustrazione del programma di gestione della refezione scolastica.



Il progetto rientra nel quadro più ampio della cosiddetta dematerializzazione del cartaceo nella pubblica amministrazione. E' innovativo per i criteri di ricerca sull'andamento della popolazione scolastica del territorio comunale, con la realizzazione di una banca dati nella quale sono censiti i dati e le abitudini alimentari (menù elaborato dalla Asl) di 1331 alunni, suddivisi per materna, elementari e medie inferiori.

Nel corso dell'assemblea è stato spiegato come la procedura snellirà l'acquisto e il consumo di buoni pasto. Sarà sufficiente un click: i genitori potranno acquistare i buoni pasto semplicemente ricaricando l'account del proprio figlio accedendo al sito https://portal.multiutilitycard.it. In tal modo il servizio mensa acquisirà online la prenotazione dei pasti.

Il versamento della quota, rimasta invariata rispetto all'anno scorso, dovrà essere effettuata attraverso bonifico bancario a costo zero, oppure direttamente all'ufficio riscossione del Comune. Quando il credito è in esaurimento verrà inviato un sms di avviso o in mancanza di telefono cellulare attraverso una lettera postale.

Il costo è invariato - 41 euro mensili (4.30 euro al giorno, suddivisi 2 euro e 05 a carico delle famiglie e 2 euro e 25 a carico del comune) - ma la novità sostanziale per le famiglie consiste nel fatto che la quota versata online, di piccola o grande entità, è a discrezione dell'utente. Ad esempio sarà possibile versare quote a più lungo termine in grado di coprire più periodi dello stesso anno scolastico.

A L'Aquila si deciderà di 'acciuffare' l'idea o anche l'anno prossimo si dovrà assistere allo 'spettacolo' delle code interminabili?

Torna alla Home