Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



Politica

Abruzzo: verso i referendum primaverili sugli idrocarburi

Regione. Approvati due provvedimenti amministrativi che consentiranno al Consiglio di deliberare la proposizione dei referendum abrogativi di alcune norme sugli idrocarburi.

Desk 2
martedì 22 settembre 2015 18:47

Sono stati approvati nella seduta odierna della Seconda Commissione Permanente del Consiglio Regionale, presieduta da Pierpaolo Pietrucci, i due Provvedimenti Amministrativi 34/2015 e 35/2015 recanti "Richiesta di referendum abrogativo dell'articolo 38 del decreto legge n. 133/2014, il cosiddetto 'Sblocca Italia', dell'articolo 57 del D.L. recante 'Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e sviluppo' e dell'articolo 1 della Legge n. 239/2004 sul riordino del settore energetico".

All'ordine del giorno anche la richiesta di referendum abrogativo dell'art. 35 del DL. 83/2012 "Misure urgenti per la crescita del Paese", in materia di ricerca ed estrazione di idrocarburi.

«Il via libera della II Commissione - espresso a maggioranza con l'astensione del Movimento 5 Stelle che si è riservato di esprimere il proprio voto nella seduta consiliare di giovedì 24 settembre - consentirà dunque la discussione in Aula dando la possibilità al Consiglio Regionale d'Abruzzo di deliberare la proposizione dei referendum abrogativi di alcune norme che negli ultimi anni hanno semplificato le procedure di ricerca ed estrazione di idrocarburi, in particolare entro le 12 miglia marine», specifica il presidente della II Commissione Permanente in seno al Consiglio Regionale d'Abruzzo.

«Se la procedura - che prevede che siano depositate le delibere di approvazione di almeno cinque Consigli regionali - andrà a buon fine, i referendum potranno essere celebrati la primavera prossima», così afferma in una nota, il consigliere Pietrucci.

Torna alla Home