Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



Sanità

Cancro al seno: la Asl vince la scommessa della prevenzione

Cancro al seno. Prevenzione della Asl al top a Raiano. 700 visite in un anno e mezzo (con due aperture al mese). Esaurite le prenotazioni del 2016 e parte di quelle del 2017.

Desk 2
mercoledì 23 settembre 2015 13:37

L'ecografo più moderno di cui dispone oggi l'azienda sanitaria, l'opera di specialisti qualificati e la mobilitazione delle donne del posto: così la Asl ha vinto la scommessa della prevenzione al seno nel territorio.

Oltre 700 visite in un anno e mezzo, con appena due aperture al mese, e un diluvio di prenotazioni che continuano a convergere sul Cup. L'ambulatorio per la prevenzione del cancro al seno di Raiano, aperto nel marzo del 2014 dal Manager Asl Giancarlo Silveri, supportato dall'importante sostegno del locale comitato donne, ha veicolato al meglio il messaggio della prevenzione, suscitando tra le donne dei vari Comuni della Valle Peligna (ma anche del Parco nazionale) una grande risposta.

L'avamposto contro il cancro alla mammella, rappresentato dall'ambulatorio ospitato nell'ex monastero Zoccolanti, si è rivelato un vero successo. La struttura, non a caso attivata su un territorio come la Valle Peligna dove l'incidenza del tumore alla mammella è più alta che altrove, è diventata uno straordinario collettore in cui sono confluite le richieste di tantissime donne. Transitando attraverso il Cup, le prenotazioni hanno già occupato tutte le caselle disponibili nel 2016 e parte di quelle del 2017.



Una risposta all'insegna del punto esclamativo e così positiva da ripagare gli sforzi del locale comitato donne, capitanato dalla dr.ssa Anna Maria Zitella, da anni impegnato in iniziative di raccolta fondi e di sensibilizzazione sul tema, e il lavoro degli specialisti della Asl, guidati da Alberto Bafile, direttore del Centro di senologia dell'ospedale di L'Aquila. Dal marzo scorso dello scorso anno a oggi nell'ambulatorio, che dispone del più moderno ecografo tra tutti quelli a disposizione del Centro senologia della la Asl, sono state effettuate in media 25 visite in ciascuno dei due lunedì di apertura mensile. Per un periodo, peraltro, grazie all'ulteriore sforzo dei medici, l'ambulatorio ha lavorato anche tre volte al mese e l'obiettivo ora è ripristinare e rendere permanente questa tabella di marcia. In totale, dal primo giorno di lavoro a oggi, sono state compiute circa 700 visite. Dai controlli della Asl è emerso che, nel 5% dei casi esaminati, è stato necessario effettuare approfondimenti all'Aquila, al centro senologia dell'ospedale San Salvatore.

Dunque, su 35 donne delle 700 controllate finora, vengono fatte ulteriori indagini per fugare dubbi di patologie. Intanto domenica scorsa, 20 settembre, a Raiano si è svolta la sesta edizione della passeggiata 'Insieme contro il tumore al seno', con la partecipazione di circa 800 persone. La manifestazione è stata promossa come di consueto dal comitato spontaneo donne di Raiano con il patrocinio del Comune (che a suo tempo mise a disposizione i locali dell'ambulatorio). Presenti, tra gli altri, Giancarlo Silveri, manager Asl 1, Alberto Bafile, a cui fa capo l'attività medica svolta a Raiano e Zitella che presiede il comitato donne. Raccolti 10.000 euro per potenziare l'ambulatorio.

Torna alla Home