Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



Marsica

1915-2015, un secolo di terremoti

Settimana dedicata alla prevenzione del rischio sismico. Venerdì workshop, poi esercitazione del Nucleo Protezione Civile Geologi Abruzzo in sinergia con i volontari Anpas.

IlCapoluogo.it
giovedì 24 settembre 2015 09:19

Nella ricorrenza del centenario del terremoto del 1915 che colpì gravemente il territorio marsicano, l'Ordine dei Geologi della Regione Abruzzo ha organizzato, con il supporto del Comune di Avezzano e dell'Istituzione del Centenario del Terremoto della Marsica, una settimana dedicata alla prevenzione del rischio sismico.

Il 21 settembre è stato avviato un percorso attivo di educazione sul rischio sismico, "Tutti giù per Terra", che durerà l'intera settimana, destinato alle scuole primarie e secondarie di primo grado, organizzato dall'Ordine Geologi Abruzzo in collaborazione con Ingv, Dpc, Con Un Gioco e Anpas.

Per il 25 settembre, dalle ore 14 alle 18.30, presso il Castello Orsini-Colonna, è in programma il workshop "1915-2015 - La riduzione del rischio sismico a cento anni dal terremoto della Marsica", rivolto alla cittadinanza, al volontariato e ai professionisti.



La settimana si chiuderà con una esercitazione del Nucleo Protezione Civile Geologi Abruzzo, in sinergia con i volontari dei comitati regionali di Anpas Abruzzo e Lazio.

«Con questa iniziativa - ha dichiarato il presidente Nicola Tullo - l'Ordine dei Geologi intende mantenere viva l'attenzione della popolazione sul rischio sismico che interessa l'intero territorio. Purtroppo si tende spesso a dimenticare gli eventi calamitosi del passato e, in tal modo,si perde purtroppo la percezione di vivere in un'area a rischio e della necessità di intraprendere corretti percorsi di prevenzione».

«La nostra categoria professionale - ha proseguito Adriana Cavaglià, coordinatore della Commissione Protezione Civile dell'Ordine regionale - ha un ruolo importante nella gestione dell'emergenza e del post-emergenza, ma altrettanto importante è il ruolo che riveste nelle attività di prevenzione. I geologi non devono più essere visti come "tecnici del giorno dopo" ma parte attiva di un sistema ormai sempre più indirizzato ad intervenire "prima". Ed è per questo che l'Ordine dei Geologi sta investendo molte energie nella prevenzione, attraverso accordi di collaborazione con la Regione Abruzzo per l'attivazione dei presidi territoriali, oltre che per le attività in emergenza. Si stanno, inoltre, promuovendo iniziative che favoriscono la conoscenza dei rischi naturali tra i cittadini e nelle scuole. Ed è grazie all'accordo di collaborazione con Anpas Abruzzo che è stato possibile organizzare l'esercitazione che vedrà i Geologi abruzzesi con le squadre di volontari di protezione civile e soccorso sanitario».

Torna alla Home