Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



L'Aquila

Alpini aquilani verso il Libano

Missione internazionale Unifil, la Brigata Alpina 'Taurinense' si schiera in Libano. Il contingente sarà costituito anche da unità tratte dal Nono Reggimento Alpini dell'Aquila.

IlCapoluogo.it
giovedì 24 settembre 2015 13:15

Oggi, giovedì 24 settembre, presso la caserma "Monte Grappa" di Torino, si è svolta la cerimonia di saluto della Brigata Alpina "Taurinense" che, dal prossimo mese di ottobre, sarà impiegata in Libano nell'ambito di Unifil, la missione internazionale di sicurezza e assistenza che opera su mandato delle Nazioni Unite.

La "Taurinense" si schiererà nella regione meridionale del Paese dei Cedri, a Shama, dove svolgerà il ruolo di Comando del settore ovest di Unifil.

Il contingente su base "Taurinense" sarà costituito da unità tratte dal Nono Reggimento Alpini dell'Aquila, dal reggimento Nizza Cavalleria (1°) di Bellinzago Novarese, dal 32esimo Reggimento Genio Guastatori di Torino, dal Reggimento Logistico "Taurinense" di Rivoli integrato da altre unità specialistiche dell'Esercito Italiano. In Libano, a fianco dei militari italiani, opereranno militari di altre 12 Nazioni.



In ottemperanza alle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite numero 425 del 1978, numero 1701 del 2006 e numero 1832 del 2008, i compiti di Unifil sono di assistere il Governo libanese ad esercitare la propria sovranità sul territorio e a garantire la sicurezza dei propri confini, in particolare dei valichi di frontiera con lo Stato di Israele. Unifil, inoltre, ha lo scopo di sostenere le forze armate libanesi nelle operazioni di sicurezza e stabilizzazione dell'area, allo scopo di prevenire un ritorno delle ostilità e creare le condizioni per una pace duratura.

L'impiego in Libano costituirà, inoltre, il "battesimo operativo" del neo-costituito comando Brigata italo-francese che, concepito dai due Paesi nel 2009 quale strumento di una nuova strategia europea di sicurezza, ha ottenuto la certificazione della piena capacità operativa nel febbraio di quest'anno, dopo un intenso iter addestrativo e di standardizzazione.

Alla cerimonia, che ha visto schierati lo Stendardo del Nizza Cavalleria (1°) e la Bandiera di Guerra del Reggimento Logistico "Taurinense", hanno presenziato numerose autorità civili, religiose e militari, fra cui il generale Alberto Primicerj, comandante delle Forze Operative Terrestri e il generale Federico Bonato, Comandante delle Truppe Alpine.

Torna alla Home