Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



Marsica

La 'Cintarella' verrà messa in sicurezza

Arrivano i fondi per la messa in sicurezza della temuta 'Cintarella'. La Provincia dell'Aquila mantiene la promessa: la somma reale messa a disposizione è pari a 581.423,23 euro.

Desk 2
giovedì 24 settembre 2015 17:11

Il vertice avuto oggi, presso la prefettura dell'Aquila ha fatto chiarezza definitiva sull'annoso problema che riguarda la messa in sicurezza della strada "Cintarella".

La Provincia dell'Aquila, rappresentata dal consigliere Emilio Cipollone, ha documentato la somma reale messa a disposizione delle rendicontazioni economiche sui lavori viari pregresse e che con nota della Regione del 21.09.2015 e' definitivamente riattribuita alla Provincia per un importo pari a 581.423 euro. Dette somme verranno assegnate ai comuni di Ortucchio, San Benedetto dei Marsi e Trasacco proprietari dei tratti stradali della 'Cintarella', tutto questo tramite un accordo di programma che la Provincia dell'Aquila si è impegnata a redigere in brevissimo tempo.

Questo è quanto stato rappresentato dal consigliere Emilio Cipollone durante l'incontro odierno svoltosi in prefettura alla presenza del vice prefetto, dei rappresentanti della Regione, della Provincia, dei sindaci dei comuni del comprensorio, delle rappresentanze sindacali, dirigenti di Telespazio e del Consorzio di Bonifica.

Il presidente della Provincia Antonio De Crescentiis «nel ringraziare gli uffici del settore viabilità per il lavoro svolto in questi mesi, esprime soddisfazione, poiché - afferma - si è fatta chiarezza sulla reale entità e sulla disponibilità delle somme, al di là di proclami o di critiche gratuite espresse sugli organi di stampa, viene quindi premiata la correttezza e l'efficacia dell'attività amministrativa della Provincia».