Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



L'Aquila

Grande festa per il torneo 'Sfida di Cervelli'

Forte partecipazione della popolazione all'evento che ha dato il via alla Notte dei Ricercatori: un quadrangolare di beneficenza in cui il divertimento conta più del risultato.

IlCapoluogo.it
venerdì 25 settembre 2015 13:53

di Claudia Giannone

Sport e scienza, calcio e studio: un'unione forse inaspettata ed anomala che ha invece visto una grande risposta da parte della popolazione aquilana. Questo il riassunto del quadrangolare che ieri pomeriggio, fino alla serata inoltrata, ha preso forma sul terreno di gioco dello Stadio "Tommaso Fattori": un incontro di calcio che ha unito diversi ambiti dello studio e della ricerca e che ha permesso a tutti coloro che erano presenti sugli spalti di partecipare ad un evento benefico di grande importanza, anche perché incluso nell'ambito di Sharper.

Quattro le squadre scese in campo, quattro compagini che si sono sfidate per la classifica finale: primi i giocatori della squadra INFN, che sono riusciti a superare per 2-0 nel corso della finalissima i Ricercatori Univaq, classificati, dunque, secondi. Medaglia di bronzo per i Folletti 99, squadra di ragazzi con disagio mentale che da anni partecipa a tornei e iniziative benefiche, organizzata da un team di psichiatri di alto livello del centro diurno dell'Aquila. Chiudono la lista i Forti di Testa, nazionale di calcio del Mensa Italia.



Al termine della manifestazione, sono stati scelti i migliori della giornata per ogni reparto: un momento che ha unito tutte le squadre e che ha permesso di continuare la festa sugli spalti. Presenti i ragazzi di Special Olympics, che come sempre hanno dato il loro supporto in una nuova iniziativa a scopo benefico che ha visto come punto di incontro lo sport e l'aggregazione.

Torna alla Home