Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



Attualità

Nasce il logo 'Tartufo d'Abruzzo'

Approvata la nuova normativa per la raccolta del tubero. Tra le novità l'estensione dell'orario di vendita del tartufo fresco e interventi sul calendario per la raccolta.

IlCapoluogo.it
lunedì 28 settembre 2015 13:17

Arriva una nuova normativa per la raccolta del tartufo e nasce il logo "Tartufo d'Abruzzo". Nell'ultima seduta del consiglio regionale sono state approvate importanti modifiche alla legge che regola e disciplina il settore dei tartufi.

«Gli interventi normativi di cui sono stato proponente con l'assessore regionale alle Politiche agricole Dino Pepe - ha commentato il presidente della III commissione (Agricoltura, sviluppo economico e attività produttive), Lorenzo Berardinetti - rappresentano il frutto di un'attenta analisi delle problematiche messe in evidenza dalle associazioni di categoria e apportano modifiche necessarie e urgenti, in quanto il quadro evolutivo del settore tartufo della Regione Abruzzo negli ultimi anni ha fatto emergere l'esigenza di rimodulare la normativa regionale vigente, al fine di migliorarla, pur conservandone i punti di forza, il tutto in armonia con quanto previsto dalla Legge nazionale».



Secondo Berardinetti «le modifiche apportate, da un lato, tutelano e preservano il patrimonio tartufigeno della Regione e, dall'altro, valorizzano la produzione locale sui mercati nazionali ed europei. Tra le novità più significative, vorrei evidenziare l'istituzione del logo distintivo 'Tartufo d'Abruzzo', l'estensione dell'orario di vendita del tartufo fresco e ancora più rilevanti gli interventi sul calendario per la raccolta, che si è voluto rendere maggiormente compatibile con il processo naturale del tartufo, cosi da valorizzarne le proprietà organolettiche. Esprimo, dunque, soddisfazione per l'importante risultato ottenuto in Consiglio regionale, considerando gli effetti positivi che tale provvedimento avrà per l'intero settore».

Torna alla Home