Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



L'Aquila

L'Aquila si riprende il sorriso

Successo per la 'Maratona del Buonumore'. 700 nasi rossi, 1200 palloncini, abbracci 'colorati' e tante risate. Il capoluogo abruzzese sferzato da una ventata di allegria.

IlCapoluogo.it
lunedì 28 settembre 2015 13:28

L'Aquila investita da un piccolo ed entusiasmante ciclone di allegria. Tante famiglie e molti ragazzi hanno infatti risposto all'invito al buonumore lanciato dai clown in corsia dell'associazione Brucaliffo, prendendo parte ad una festa grande e semplice allo stesso tempo: un naso rosso, un palloncino legato al polso e la banda che suonava.

Circa 600 persone, tra 700 nasi rossi e 1200 palloncini, hanno camminato e ballato sorridendo tra piazza Duomo e il Castello, dove hanno trascorso la mattinata fino al momento degli Abbracci di colore. Alle 12.40 il piazzale davanti all'Auditorium era pieno di persone che, con le mani colorate di vernice rossa, verde, gialla e blu si abbracciava al ritmo della musica di Modugno "Volare".

Nessun genitore ha detto al bambino di non sporcarsi, anzi i 'grandi' per primi hanno immerso le mani nella vernice per fissare con il colore gli abbracci. D'altra parte, come ricordano i promotori dell'iniziativa, «nessuno è troppo grande per un abbraccio». «La tradizione - aggiungono - dice che quando abbracciamo qualcuno in modo sincero guadagniamo un giorno di vita e noi clown pensiamo che l'effetto dell'abbraccio di ieri, come dice Pablo Neruda non è finito in quel momento: "...il più delle volte un abbraccio è staccare un pezzettino di sé per donarlo all'altro affinché possa continuare il proprio cammino meno solo"».



«Vedere tanta gioia e tanto colore nella nostra città è stata una sorpresa: una città che vuole essere città del sorriso». L'iniziativa, assicurano i 'clown in corsia dell'associazione Brucaliffo', si ripeterà anche l'anno prossimo.

Torna alla Home