Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



Cronaca

Cadavere a confine tra Abruzzo e Molise: uomo ammazzato di botte

Scoperto un cadavere al confine tra Abruzzo e Molise. Si tratta di un uomo di 46 anni di nazionalità romena. L'uomo sarebbe stato picchiato selvaggiamente fino alla morte.

Desk 2
martedì 29 settembre 2015 11:10

Il cadavere di un uomo di nazionalità romena è stato rinvenuto la scorsa notte intorno alle 24 nelle campagne tra San Salvo e Montenero di Bisaccia (Campobasso) al confine tra Abruzzo e Molise.

Il corpo, tumefatto, è stato identificato in Ion Situ, 46 anni. La salma giaceva nei pressi di un rudere in contrada Padula, a poche centinaia di metri dal confine tra le due regioni.



L'uomo sarebbe stato picchiato selvaggiamente fino a morire: sul fatto indaga la Procura di Larino (Campobasso), competente per territorio.

Ci sarebbe un sospettato per il delitto, connazionale di Situ, fermato dai carabinieri a Montenero di Bisaccia. Sul posto sono intervenuti il 118, i volontari della Misericordia e i carabinieri della Compagnia di Termoli (Campobasso) in seguito a una segnalazione anonima.

Torna alla Home