Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



Politica

La sorgente di Canistro al centro della Politica

Le acque di Canistro in Consiglio. Domani verrà discussa l'interpellanza del consigliere Di Nicola volta a sospendere la procedura della concessione per sfruttamento della fonte.

Desk 2
martedì 29 settembre 2015 13:07

Verrà discussa durante la prossima seduta del Consiglio regionale, fissata per giovedì 1 ottobre, l'interpellanza depositata dal Consigliere Maurizio Di Nicola, volta a sollecitare il Presidente D'Alfonso e l'Assessore al ramo competente a sospendere la procedura della concessione per lo sfruttamento del giacimento di acque minerali "Fonte S. Antonio - Sponga".



Dopo la pubblicazione del bando relativo all'avvio di una procedura ad evidenza pubblica per l'individuazione di un soggetto assegnatario della concessione, pubblicato in data 13/03/2015 sul B.U.R.A. Speciale n. 27, il Comune di Canistro, sul cui territorio insiste il giacimento, vista la delicatezza e l'importanza dell'assegnazione (che certamente avrà ricadute sia di carattere ambientale che economico sulla comunità stanziale e sul paesaggio circostante) ha avanzato una formale istanza di differimento della procedura di assegnazione della concessione in oggetto.

L'Amministrazione comunale di Canistro ha rappresentato in vari incontri, sia informali che ufficiali, ponderate e motivate ragioni di scetticismo sul presupposto della notevole incidenza delle modalità di gestione delle acque minerali e di sorgente per un intero territorio.

L'affidamento di concessione di sfruttamento delle acque per un periodo così lungo (30 anni) richiede, infatti, la massima ponderazione ed il bando in questione ha tralasciato di prevedere elementi fondamentali, come ad esempio gli obblighi e i limiti del concessionario, una precisa definizione di tutela dei livelli occupazionali e la demarcazione per l'emungimento dell'acqua destinata all'imbottigliamento e di quella che è possibile sfruttare per altri impieghi industriali (ad es. la produzione di energia idroelettrica), con ricadute positive sul territorio.

Per questi motivi il Presidente della Commissione bilancio della Regione Abruzzo Maurizio Di Nicola chiede, in applicazione del principio dell'autotutela amministrativa, di sospendere la procedura di assegnazione della concessione e di indire un'apposita Conferenza dei Servizi, invitando a partecipare il Comune di Canistro e tutti gli altri soggetti eventualmente coinvolti.

Torna alla Home