Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



Politica

La terra di 'Scanno' oscurata, Pezzopane scrive a Ray Way

Senatrice infuriata scrive ai vetrici di Ray Way. Scanno 'oscurata': cattiva ricezione dei segnali televisivi. Pezzopane: «Attendo una risposta positiva. Troppi disagi».

Desk 2
martedì 29 settembre 2015 13:24

La senatrice Stefania Pezzopane ha inviato una lettera ai vertici di Rai Way, per segnalare il disagio degli abitanti del comune di Scanno e di alcune zone limitrofe, che da diverso tempo lamentano la cattiva ricezione dei segnali televisivi, in particolare quelli di Rai Tre.

«Da quanto mi rappresentano i cittadini di Scanno e da quanto sono andata a constatare direttamente - sottolinea la senatrice nella lettera - la mancata ricezione del segnale produce disagi, sia alla popolazione residente che ai numerosissimi turisti provenienti da tutta Italia. Questa cattiva ricezione deriva sicuramente dalla mancata installazione di apparati tecnici ed in particolare di ripetitori in grado di garantire un segnale continuo e di qualità accettabile».



«Un disservizio grave - afferma la parlamentare - che configura l'ipotesi d'interruzione di pubblico servizio. Ho sollecitato i vertici di Rai Way, competenti per materia, a intervenire rapidamente. Sono necessari maggiori investimenti per installare adeguati apparati tecnici, che garantiscano la prosecuzione e la qualità del servizio pubblico offerto dai canali Rai. Non è pensabile che venga discriminato un territorio rispetto a un servizio che deve essere garantito, come sul resto del territorio nazionale. Attendo fiduciosa una risposta positiva - conclude Pezzopane - senza la quale predisporrò ulteriori iniziative, come interrogazione parlamentare e mozioni a tutela delle aree interne dell'Abruzzo».

Torna alla Home