Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



Attualità

Detenuti visitano il Parco, permesso premio per i 'gioielli' verdi d'Abruzzo

Otto detenuti grazie ad un permesso premio hanno visitato Pescasseroli, Civitella Alfedena e località turistiche come 'la Camosciara' e il lago di Barrea.

IlCapoluogo.it
mercoledì 30 settembre 2015 12:06

Permettere ai detenuti la condivisione sociale di un'esperienza naturale volta alla conoscenza del territorio abruzzese. Questo l'obiettivo della visita nel Parco Nazionale d'Abruzzo organizzata dalla direzione della casa circondariale di Avezzano in collaborazione con l'Ente Parco e la Croce Rossa italiana.

Nell'ambito del progetto di rieducazione e risocializzazione, otto detenuti sono usciti dall'istituto penitenziario, nel fine settimana scorso, accompagnati dal direttore del carcere, Mario Giuseppe Silla e dal sostituto commissario, Giovanni Luccitti, grazie ad un permesso premio per visitare Pescasseroli, Civitella Alfedena e località turistiche come 'la Camosciara' e il lago di Barrea.



L'iniziativa è stata realizzata grazie al contributo di molti volontari della zona, che hanno fornito i mezzi necessari come vivande, trasporti e musica e all'associazione di volontariato avezzanese 'Liberi per Liberare', rappresentata dal cappellano dell'istituto di San Nicola Don Francesco Tudini e da Suor Benigna Raiola.

Torna alla Home