Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



Marsica

Fucino in festa ma con raccolta firme

#NoPowerCrop scende in campo. Il comitato contro centrale a biomasse sarà presente all'evento 'Agrimensor, giornate di Archeologia sperimentale' con un banchetto raccolta firme.

Desk 2
giovedì 1 ottobre 2015 09:54

Il Comitato Marsicano NO Powercrop, sarà ospite dell'Associazione Convivium nell'ambito della manifestazione "Agrimensor, giornate di Archeologia sperimentale" presso il parco dei Cunicoli di Claudio, con un banchetto di raccolta firme.

La petizione sarà inviata Al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, «affinché prenda una posizione chiara, netta e ferma di opposizione alla costruzione di un mega inceneritore a biomasse che la Multinazionale Powercrop vorrebbe installare a poche decine di metri dall'opera idraulica Emissario del Fucino e Cunicoli di Claudio», così si legge in una nota diramata dallo stesso Comitato.

«La petizione potrà essere firmata da tutti presso il parco dei Cunicoli di Claudio nei giorni che vanno dal primo al quattro ottobre - dichiara la dottoressa Sefora Inzaghi portavoce del Comitato che da anni si oppone alla costruzione di questa centrale - l'impianto che questa società vuole costruire, oltre a non creare lavoro e opportunità vere e sane per questo territorio, mette a rischio la qualità dei nostri prodotti agricoli, l'economia rurale della Marsica, la nostra salute e la bellezza di questo angolo di terra. L'inceneritore, infatti, dovrebbe sorgere a Borgo Incile, nel cuore del Fucino e a poche decine di metri dai luoghi dove due mila anni fa venne scritta una parte della storia di questa terra, luoghi che ancora oggi ne conservano la memoria. Contrariamente al messaggio passato in questi mesi, la questione Powercrop è ancora aperta purtroppo e non può essere affrontata solo a livello locale».

«Pertanto chiediamo che il Ministero chiamato dai cittadini italiani a conservare e tutelare il patrimonio storico culturale, bene comune dell'intera collettività, si adoperi a tutela dell'Emissario Torlonia e dei Cunicoli di Claudio e metta in campo energie e sinergie per contastrare politiche scellerate che consento opere meramente speculative che contrastano con quei vincoli che il Ministero in questione deve far rispettare per il mandato che gli è stato conferito. Non poteva esserci miglior occasione per lanciare la petizione. A nome del Comitato tutto vi invito a venire al parco dei Cunicoli, non solo per godere della splendida iniziativa messa in campo dall'Associazione Convivium di Borgo Incile, "Agrimensor: giornate di archeologia sperimentale", ma a lasciare il vostro contributo personale firmando la petizione per dire basta alla speculazione, allo sfruttamento delle nostre risorse, al consumo di suolo, all'inquinamento e all'impoverimento della bellezza che ci circonda».

Torna alla Home

Torna alla Home Targato Az