Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



L'Aquila

Concorso ex Onpi, segretario Comune risponde a Pm

Il legale di Pirozzolo rende noto che il suo assistito è in ferie da oggi «per non intralciare l'attività della magistratura».

IlCapoluogo.it
giovedì 1 ottobre 2015 15:55

«Il mio assistito ha risposto a tutte le domande, fornendo anche la documentazione del caso. Ora il gip Guendalina Buccella si pronuncerà sulla richiesta della misura di interdizione dai pubblici uffici». Così l'avvocato Carlo Benedetti sull'interrogatorio in tribunale del segretario generale del comune dell'Aquila, Carlo Pirozzolo, sotto inchiesta insieme alla dirigente comunale Patrizia Del Principe.

I due sono accusati di aver tentato di pilotare il concorso per il posto di direttore della struttura comunale del centro servizi per anziani ex Onpi a vantaggio della stessa dirigente, ora sospesa dal servizio per essere coinvolta in un altro filone sull'ex Onpi che la vede accusata di aver intascato soldi da una società di traslochi in cambio di affidamenti di commesse.



Il legale di Pirozzolo che è anche presidente del Consiglio comunale e legale del sindaco, Massimo Cialente, informa che il suo assistito è in ferie da oggi «per non intralciare l'attività della magistratura».

«Pirozzolo è andato in ferie con la conseguenza - spiega ancora Benedetti - che ora tutta l'attività amministrativa si è paralizzata, così come tutte le questioni importanti come quella del rinnovo del contratto dei precari».

L'interrogatorio davanti al pm Stefano Gallo è durato circa tre quarti d'ora con il segretario generale «molto collaborativo - specifica il legale - A mio avviso non ci sono i presupposti e le condizioni richieste dal codice di procedura per l'applicazione delle misure cautelari. Sono fiducioso che la magistratura giudicante saprà decidere con serenità».

Torna alla Home